Il Ritratto dei Creatori: Pabuita

image

Scopri lo shop di Pabuita QUI


Paola (Pabuita)
 è un architetto, ha disegnato e costruito case, ha progettato arredi e maniglie, poi ha avuto la fortuna di diventare nonna e i nipoti sono stati l’occasione per riafferrare la vita per la coda. Paola crede che i bambini abbiano bisogno di esprimersi anche attraverso abiti meno omologati; realizza deliziosi vestiti e travestimenti, pensati per stimolare la creatività e unicità dei più piccoli.

Ciao Paola, raccontaci un po’ di te: quando ti sei avvicinata al mondo del fatto a mano?

Da sempre mi è piaciuto lavorare con le mani. Ho avuto una amatissima zia che faceva la sarta e con gli avanzi mi insegnava a vestire le bambole. Quando sono nati i miei nipotini ho recuperato le nozioni di cucito che lei mi aveva trasmesso e ho iniziato cucendo per loro.

Cosa ti piace creare? Parlaci del tuo mondo!

Sono una “creativa doc”: sono un architetto! Ho sempre cercato di catturare la bellezza, di renderla fruibile nelle cose che usiamo tutti i giorni. Amo rendere elegante,  raffinato e sano il vivere quotidiano. Credo che i bambini abbiano bisogno di potersi esprimere anche attraverso abiti meno omologati, pensati per stimolare la loro creatività e l’unicità di ciascuno di loro. In giro vedo sempre le solite cose, i colori banali, i tessuti di dubbia qualità, la totale noncuranza per la salubrità delle stoffe che stanno a contatto diretto con la pelle delicata dei bambini.

Qual è il momento che preferisci quando crei?

Mi piace creare, mi piace la notte pensare:”ecco domani faccio così, modifico colà etc”, mi piace talvolta anche “perdere tempo” a giocare con i tessuti. Adoro le stoffe, ne possiedo intere collezioni. Non ho un momento particolare nel quale “creo”, per me creare è come respirare: necessario e automatico!


La creazione più strana che hai realizzato (anche su richiesta)?

La più “strana” è forse il Guscio di Tartaruga Ninja.
Un giorno una mamma americana (lavoro soprattutto con gli USA)  mi ha chiesto di confezionarle un Guscio di Tartaruga Ninja per la sua piccolina di sette mesi perché le piaceva l’idea di vederla gattonare sul pavimento con il guscio sulla schiena.
Ed è stato un successo!
Molte mamme l’hanno voluto per Halloween, per legarlo alla schiena dei loro neonati da portare a spasso nella fascia porta bebè.

Come stai vivendo questa avventura e come immagini il tuo futuro?

Vivo questa avventura come l’occasione per imparare cose nuove.
Sono una nonna,  la mia generazione non è nata con il mouse in mano né con il cellulare, ho fatto fatica e fatico tutt’ora a districarmi con il computer, a scaricare le app (a capire cosa sono le app!!!), a raccapezzarmi con i social. Ogni giorno è una sfida per me. Ma vedere che ci sono persone lontanissime da me che capiscono il valore delle cose che creo mi riempie di soddisfazione e compensa tutto! Il mio futuro? Lo vedo così: sono in transito, imparerò sempre cose nuove  e continuerò a cercare di rendere più bello e più sano il mondo che mi circonda.

Come e quando hai deciso di aprire uno shop su ALM?

Ho aperto per primo il negozio su Etsy nel 2013, poi una teammate mi ha parlato di A Little Martek, un Etsy italiano e europeo.
E’ stato naturale aprire qui il secondo shop on line, nel 2015.
Inoltre mi erano piaciuti i modi informali con i quali A Little Market viene gestito.

Hai consigli per aspiranti creatori?

Ci sono molti creatori che non riescono a trovare sfogo al loro bisogno. Consiglierei loro di non farsi mai intimidire, di credere in ciò che fanno (se non ci credi tu come potranno mai crederci gli altri?) e di difendere con forza la loro unicità.

Un libro, un film e una canzone che ti rappresenta

Libro appena acquistato per le mie nipotine: “Storie delle buonanotte per bambine ribelli” (da cui il titolo della mia ultima creazione)

Film: “Cattivissimo me 2” esilarante e decisamente anticonvenzionale

Musica: “L’apprendista Stregone”  di  Paul Dukas (con quel crescendo meraviglioso! Dobbiamo sempre crescere!)

Per finire, ci consiglieresti 3 shop di A little Market  che non bisogna lasciarsi sfuggire?

Beh il mio tanto per cominciare! 😉

Poi:

Il Mondo di Tabitha

Cose di Isa

Le SuperMega Coccole

Commenti

Commenti

Mafalda

sostenitrice del movimento handmade fin dalla prima ora , ama disegnare e creare oggetti artigianali. Le sue passioni sono l'illustrazione per l'infanzia, i paesi del nord Europa e la musica indie folk.

Pas de commentaires.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri l'handmade su
Scopri l'handmade su
Seguici !
Archivi